Home / Blog / Attualità / Brexit: che cos’è e cosa può significare per il mondo del trasporto

Brexit: che cos’è e cosa può significare per il mondo del trasporto

La decisione è già stata presa, anche se ci vorrà del tempo prima di vederla applicata. Abbiamo deciso di approfondire il tema per capire la situazione ed offrire una risposta a quelle domande che ormai tutti ci stiamo facendo, specialmente per quanto riguarda il settore del trasporto.

Come si è arrivati alla “Brexit”: storia di un rapporto mai decollato

La storia ci insegna che il rapporto tra le istituzioni europee e Londra è sempre stato molto frammentato ed altalenante. Il Regno Unito ha cercato in numerose occasioni di “disegnare l’Europa a sua misura”, occupando un ruolo “eccezionale” all’interno del disegno politico ed economico comunitario.

L’ambiguità della situazione britannica (basti ricordare la mancata adozione della moneta unica), è culminata con il referendum del 23 giugno 2016, attraverso il quale il 51.9% dei cittadini britannici ha affermato la volontà di uscire dall’Unione Europea.

Che cosa significa “Brexit”?

Il termine “Brexit” è stato coniato a livello giornalistico per definire l’uscita della Gran Bretagna dalle istituzioni europee. Il processo è iniziato ufficialmente il 29 marzo 2017 e durerà due anni.

Nel caso in cui dovesse prevalere la “linea dura” nei negoziati, questa porterebbe le aziende ed i gruppi impegnati nel settore a ridiscutere i contratti con il Regno Unito, per aggiornare la documentazione attuale che rispetta o chiama in causa le leggi comunitarie.

brexit-trasporto-unione-europea

Quali saranno i riflessi sull’economia e sul mondo del lavoro?

Ad oggi la Gran Bretagna non è ancora uscita dall’Unione Europea, pertanto le imprese ed i cittadini europei possono ancora godere di tutti i diritti derivanti dai trattati europei.

L’eventualità di un’uscita “hard” sono piuttosto remote, secondo Nicolò Berghinz di A.L.I.S. – Associazione Logistica dell’Intermodalità sostenibile:

“Si tratta, a sensazione, di una vicenda che porterà la Gran Bretagna ad uscire più de iure che de facto, dando vita ad una situazione simile a quella svizzera. Sicuramente i dubbi e i timori si concentrano sull’aspetto economico e dei costi per le imprese, tuttavia abbiamo riscontrato una certa fiducia per quanto riguarda il settore. Gli imprenditori sostengono che non verrà particolarmente stravolto e prevedono un’uscita “soft” da parte del Regno Unito, mantenendo in vita gli accordi economici vigenti e la libera circolazione di uomini e merci”.

Alcuni nostri clienti, tra i quali Mocci II, J & L Trasporti, Generali Pio ed Italia Trasporti, sono soliti lavorare con la Gran Bretagna. Il processo è appena iniziato e questo non ha portato a nessuna complicazione per la loro attività. Non sono cambiati i flussi di lavoro, né dal Regno Unito sono arrivate indicazioni particolari che possano lasciar presagire a modifiche imminenti.

Ci sono state sostanziali differenze nei flussi all’interno della Borsa Carichi di Wtransnet?

A conferma di quanto appena detto, i dati riguardanti l’offerta di carichi e camion da e per il Regno Unito hanno seguito un “pattern” piuttosto lineare, come evidenzia questo grafico che considera i dati a partire dal 2015. Il referendum su Brexit, tenutosi il 23 giugno 2016, non risulta aver cambiato l’andamento delle cose.

brexit-cosa-cambia-nel-trasporto-newsletter
Grafico dell’offerta di carichi e camion per l’esportazione, provenienti dal Regno Unito e con destinazione nel resto dell’Unione Europea offerti all’interno della Borsa Carichi di Wtransnet.

Siccome il processo di uscita è appena iniziato, il risultato della nostra inchiesta non ha portato a risposte definitive. Sarà comunque interessante continuare a seguire e a monitorare gli avvenimenti, per poter fornire tutte quelle informazioni di cui al momento non disponiamo.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *