Home / Blog / Attualità / La legge sulla proibizione del riposo lungo in cabina entra in vigore in Germania

La legge sulla proibizione del riposo lungo in cabina entra in vigore in Germania

Dopo le prime anticipazioni, già emerse nel corso del mese di marzo, il parlamento tedesco ha ufficialmente approvato la legge che vieta il riposo settimanale lungo di 45 ore nella cabina del camion.

Questa legge, presente nella G. U. numero 29 del 24 maggio 2017, prevede che i conducenti non possano effettuare il riposo settimanale a bordo del camion o in strutture non idonee. Nell’eventualità in cu un conducente venisse “beccato” a trascorrere il proprio tempo di riposo all’interno della cabina del proprio veicolo, o in un altro luogo non ritenuto idoneo, verrebbe sanzionato per non aver fruito del proprio periodo di riposo in maniera regolamentare.

Le sanzioni che possono venir applicate sono quelle previste per il conducente che ha omesso di fruire del riposo settimanale in maniera completa. Pertanto, si parla di 60€ di multa per ogni ora di riposo che non è stata regolarmente fruita nei confronti del conducente, mentre per l’impresa tale somma si alza a 180€.

legge-riposo-settimanale-germania

Questa legge nasce con svariati presupposti: in primo luogo, quello di dare dignità al riposo dei trasportatori i quali potranno usufruire di luoghi più idonei ad un lavoro così usurante. In secondo luogo, l’idea alla base di questa decisione è quella di poter permettere maggiore sicurezza e controlli da parte delle forze dell’ordine all’interno delle aree di sosta dove i trasportatori si dovranno fermare. Infine, l’ultimo presupposto è quello di contrastare il fenomeno del dumping sociale e del distacco dei lavoratori fraudolento, ed è simile a quanto già è stato applicato da paesi quali la Francia ed il Belgio.

In Italia, il governo ed il Ministero dovrebbero intervenire in tempi brevi con un provvedimento di legge che vieti agli autisti di mezzi pesanti di effettuare il riposo lungo di 45 ore nella cabina di guida del mezzo. Tuttavia, molti conducenti si sono trovati a mal digerire questa decisione, lamentando specialmente l’assenza di strutture adeguate nei pressi delle vie di circolazione che utilizzano regolarmente e il timore a lasciare il proprio camion ed il carico incustoditi per le 45 ore previste.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *